sabato 24 febbraio 2018

BUCO CATTIVO: IL QUARTO INGRESSO GIA' NEL 1966

Sfogliando di recente il numero 3-1967 della Rassegna Speleologica Italiana (gentilmente scansionato e reso disponibile in rete dal Centro Italiano di Documentazione Speleologica), ho trovato a pag. 174 questa curiosa notizia:

Una rapida esplorazione fu ripetuta al Buco Cattivo dove, nella Sala Altissima,
Melegari risalì una parete concrezionata scoprendo un cunicolo ascendente, lo seguì
per alcune decine di metri e si ritrovò... fuori sotto il sole. Il Buco Cattivo si trovò
così ad avere acquistato la sua quarta apertura.

Si tratta solo di una delle tante notizie riportate in questo "Resoconto dell'attività speleologica svolta nel 1966 dal Gruppo Speleologico Reggiano del C.A.I.", il quale, da quanto è possibile evincere dal resto dell'articolo, frequentava piuttosto assiduamente la zona di Frasassi insieme a speleologi maceratesi. La domanda che sorge spontanea è: ma quante altre notizie del genere avremo dimenticato?!
Dimenticato, sì, perché nel 1998 il Gruppo Speleologico C.A.I. Jesi svolge attività nello stesso settore del Buco Cattivo, riportando in una relazione datata 18 aprile la notizia dell'imminente termine dei lavori al "recentemente scoperto" Ingresso del Talpo:

Lavoro di disostruzione del 4° ingresso in via di ultimazione. Lo scopo di questa uscita è stato per il recupero di una corda da 54 m sostituendo la stessa con una scaletta di 11 m ancorata a un masso di crollo con un cordino e di una corda di 8 m da 11 mm sull’arrampicata successiva alla scala.

Per quasi vent'anni ho ignorato che il suddetto quarto ingresso del Buco Cattivo era stato già rinvenuto circa 32 anni prima! Di qui l'importanza della documentazione: ben vengano le relazioni, ma occorre soprattutto divulgare le topografie realizzate, corredate da accurate descrizioni e foto. Come? Tramite i giusti canali già esistenti: i catasti speleologici regionali. Non dobbiamo inventarci nulla, solo farlo funzionare come si deve!

mercoledì 7 febbraio 2018

L'ANARCHISMO PACIFISTA

"Direi d'essere un libertario, una persona estremamente tollerante. Spero perciò d'essere considerato degno di poter appartenere ad un consesso civile perché, a mio avviso, la tolleranza è il primo sintomo della civiltà, deriva dal libertarismo. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine negativo, addirittura orrendo… anarchico vuol dire senza governo, anarché… con questo alfa privativo, fottutissimo… vuol dire semplicemente che uno pensa di essere abbastanza civile per riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia (visto che l'ha in se stesso), le sue stesse capacità. Mi pare così vada intesa la vera democrazia. Ritengo che l'anarchismo sia un perfezionamento della democrazia".
-Fabrizio De André-

sabato 25 novembre 2017

L'ESPLORAZIONE SOTTERRANEA

Esplorare il Mondo di Sotto è probabilmente l'attività più affascinante da praticare in montagna, sebbene essa richieda senza dubbio un notevole impegno in termini di tempo, organizzazione, pazienza e determinazione. Tempo e organizzazione per la necessità di parecchio lavoro a monte, per preparare bene la spedizione curandone ogni minimo dettaglio. Pazienza perché capiterà spesso di prendere grosse batoste (grotte senza la prosecuzione sperata, battute esterne estenuanti e infruttuose, ecc.) e perché per ottenere certi risultati può volerci del tempo. Determinazione perché... bisogna sempre crederci!!



sabato 7 ottobre 2017

LA GROTTA DELLA LAMA DELLA ROCCHETTA

Intorno al 1999, nei pressi della casa in campagna di mia nonna sita nella zona di Frasassi, mi capitò di ascoltare una leggenda riguardante una grotta che si sarebbe aperta ove oggi è una frana. Il luogo è il Colle Ameno, presso Rocchetta di Genga, e la frana è chiamata la Lama della Rocchetta, ben visibile da gran parte della vallata dei Fossi, così come da varie altre località nei dintorni.

mercoledì 17 agosto 2016

LA BUCA DELLA BOMBA

Parliamo oggi di... una storia vera??! Una leggenda??!?! Di sicuro del vero c'è, e ci sono le prove... sul passato della Buca della Bomba.